Comitato Editoriale

Sg2

EtC3ghHM

Simone Guidi / Caporedattore

Coordinamento scientifico-editoriale


È FCT Post-Doc Researcher presso l’Instituto de Estudos Filosóficos (IEF) dell’Università di Coimbra. Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Filosofia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, con una tesi su Descartes e sull’evoluzione del concetto di “sostanza intellettiva” dal medioevo al tardo Rinascimento. Le sue ricerche, caratterizzate da un costante connubio tra storia della filosofia, della scienza e della teologia, vertono in particolare sulla storia dell’aristotelismo (in particolare l’area rinascimentale italiana e iberica), sul dualismo mente-corpo e sulla metafisica di René Descartes e sul pensiero di Henri Bergson. È il coordinatore editoriale de “Lo Sguardo” e redattore di “Azimuth. Philosophical Coordinates”. È il coordinatore di Conimbricenses (1542-1772), Enciclopedia online sull’aristotelismo portoghese dello IEF, diretta da Mário Santiago de Carvalho.  Collabora con diverse riviste scientifiche, tra cui “La Cultura”. È autore di numerosi saggi scientifici, pubblicati su riviste nazionali e internazionali, voci di enciclopedia, raccolte, traduzioni, tra cui L’angelo e la macchina. Sulla genesi della res cogitans cartesiana (FrancoAngeli, Milano 2018) e Henri Bergson, Lezioni di metafisicaSpazio, tempo, materia e teorie dell’anima, Mimesis, Milano 2018.

11700679_1052757614736308_6006244031451428282_o(1)

EtC3ghHM

Antonio Lucci / Caporedattore

Relazioni con l’editoria


Antonio Lucci è Fellow presso il Forschungsinstitut für Philosophie di Hannover. In precedenza, ha effettuato attività di docenza e ricerca presso l’IFK di Vienna (2018), Humboldt-Universität di Berlino (2013, 2014-2018), la Zeppelin Universität di Friedrichshafen (2018), L’Istituto Italiano di Studi Filosofici (2017), la Dresden International University (2016), l’Exzellenz Cluster TOPOI (Humboldt Universität, Berlino, 2013-2015), la NABA di Milano (2011-2014), l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” (2009-2013), l’Università di Trieste (2009-2011). Nel campo della storia della cultura si occupa dei rapporti tra forme di soggettivazione e pratiche religiose entro la cornice tematica della storia dell’ascesi occidentale. Nel campo della filosofia di filosofia della tecnica, antropologia dei media, psicoanalisi e pensiero biopolitico francese e italiano. Tra le sue pubblicazioni più recenti: (curatela, con Thomas Skowronek), Potential regieren. Zur Genealogie des möglichen Menschen (Fink, Padeborn, 2018); Umano Post Umano (Inschibboleth, Roma, 2016) Un’acrobatica del pensiero. La filosofia dell’esercizio di Peter Sloterdijk (Aracne, Roma, 2014); (con Sergio Benvenuto) Lacan, oggi (Mimesis, Milano, 2014); Il limite delle sfere. Saggio su Peter Sloterdijk (Bulzoni, Roma, 2011).

Cristina Emma Basili Filosofia

EtC3ghHM

Cristina Basili

Ricercatrice post-doc presso l’Institut für Philosophie dell’Università di Bonn. In precedenza, è stata docente presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università Pompeu Fabra di Barcellona. Ha ottenuto il dottorato in Filosofia politica presso l’Università Carlos III di Madrid, con una tesi sul rapporto tra platonismo e modernità nel pensiero di Leo Strauss. Ha effettuato soggiorni di ricerca presso la New School for Social Research di New York, l’École des Hautes Études en Sciences Sociales e il CNRS di Parigi. Il suo ambito di studi è la storia del pensiero politico moderno e contemporaneo, all’interno del quale ha prestato particolare attenzione al problema teologico-politico. Tra i suoi interessi rientrano anche gli studi di genere, la filosofia ebraica, il pensiero utopico e la ricezione della letteratura e della filosofia classica. È membro del gruppo di ricerca “L’archipel des devenirs-Centre de recherche sur l’utopie” dell’Università Paris Diderot e del “Nomos”, gruppo di ricerca sul pensiero antico e la sua ricezione dell’Università Carlos III di Madrid. È autrice di numerosi saggi e articoli scientifici, apparsi in pubblicazioni nazionali e internazionali e redattrice delle riviste filosofiche “Res Publica Litterarum”, “Azimuth” e “Lo Sguardo”. Inoltre, è membro dell’ “Association des Amis de Pontigny-Cerisy. Centre Culturel International” (Francia), della “Sociedad Académica de Filosofía” (Spagna) e dell’ “Asociación Española de Ética y Filosofía Política” (Spagna).

Foto-Federica2

EtC3ghHM

Federica Buongiorno

Federica Buongiorno (1985) è ricercatrice e abilitanda presso la Technisce Universität di Dresda: la sua ricerca si colloca nel campo della Filosofia della tecnologia ed è finalizzata a sviluppare un’indagine fenomenologica delle pratica di soggettivazione digitali (con particolare riferimento alle pratiche di lifelogging e QS). Ha conseguito il Dottorato di ricerca in Filosofia nel 2013 presso l’Università “Sapienza” di Roma con una tesi sul precategoriale nel primo Husserl. Ha svolto attività di ricerca presso l’Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli (2012-2013), presso la Freie Universität di Berlino (2014-2017) e presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli (2017). È membro del comitato scientifico di svariate riviste filosofiche (“Azimuth”, “Filosofia Italiana”, “Philosophy Study”), co-direttrice della collana di filosofia Umweg (Inschibboleth edizioni) e collabora come traduttrice per diverse case editrici italiane. Nel 2017 ha ottenuto l’Abilitazione scientifica nazionale come professore di seconda fascia nel settore di Filosofia teoretica.

s200_marco.carassai

EtC3ghHM

Marco Carassai

Ha conseguito un Dottorato di ricerca di Filosofia preso l’Università la Sapienza di Roma, discutendo una tesi sul tema del linguaggio e la questione della temporalità nel pensiero di Nietzsche. Il suo ambito di ricerca è la filosofia contemporanea, la filosofia del linguaggio, l’ermeneutica. Autore di diverse pubblicazioni scientifiche, traduttore, è attualmente Cultore della materia presso la cattedra di Filosofia Teoretica all’Università La Sapienza di Roma.

Igor Pelgreffi Filosofia

EtC3ghHM

Igor Pelgreffi

Dottore di ricerca in filosofia, insegna “Etica e filosofia della persona” all’Università di Verona ed è docente nelle scuole secondarie superiori a Bologna. Membro del gruppo di ricerca “Officine Filosofiche” (Università di Bologna) e del centro di ricerca “Tiresia. Filosofia e psicoanalisi” (Università di Verona), è redattore della rivista “Kaiak”, per le cui edizioni co-dirige la collana “Estetica e teoria delle arti” e la collana “Scritture”. La sua ricerca, partendo da un interesse per Nietzsche e per la filosofia contemporanea (ha curato l’edizione italiana di opere di Nancy, Derrida e Žižek) si concentra sui temi della corporeità e degli intrecci tra filosofia, scrittura, tecnica e corpo (saggi su Camus, Bernhard, Derrida, Gadda, Gargani, Morselli, Nancy, Nietzsche, Sennett, Žižek). Di qui, all’interno di un’analisi critica delle diverse forme espressive del “filosofico”, si è occupato di autobiografia e della natura del rapporto tra il filosofo e i dispositivi mediali. Attualmente sta sviluppando una ricerca sul tema dell’automatismo. Fra i suoi libri: Il pensiero e il suo schermo. Morfologie filosofiche fra cinema e nuovi media (KE, 2013, curatela), Slavoj Žižek (Orthotes, 2014), Scrittura e filosofia. Jacques Derrida interprete di Nietzsche (Aracne, 2014), La scrittura dell’autos. Derrida e l’autobiografia (Galaad, 2015), Il filosofo e il suo schermo. Video-interviste confessioni monologhi (KE, 2016, curatela).

s200_libera.pisano

EtC3ghHM

Libera Pisano

Libera Pisano è assegnista di ricerca presso il DISPeS dell’Università della Calabria e ricercatrice presso il Dipartimento di Filosofia e Religione ebraica dell’Università di Hamburg. Nel 2014 ha ottenuto il Dottorato di Ricerca in Filosofia Teoretica presso La Sapienza Università di Roma con una tesi su Hegel e il linguaggio (Lo Spirito Manifesto. Percorsi linguistici nella filosofia hegeliana, ETS 2016). È stata Visiting Research Fellow presso la Humboldt Universität di Berlino, il Maimonides Centre for Advanced Studies dell’Università di Hamburg e presso l’Università di Haifa. Ha pubblicato numerosi saggi in cinque lingue sulla filosofia del linguaggio di Hegel, su Gustav Landauer, su Moses Mendelssohn, sulla filosofia ebraica del Novecento, sulla traduzione utopia e gender studies. È redattrice delle riviste scientifiche “Lo Sguardo”, “Azimuth. Philosophical Coordinates” e “filosofia italiana”; dal 2016 dirige la collana filosofica Umweg (editore InSchibboleth) insieme alla Dr. Federica Buongiorno e ai Proff. Roberto Esposito e Christoph Wulf.

Giulia Rispoli Filosofia

EtC3ghHM

Giulia Rispoli

Ha studiato Filosofia all’Università di Roma La Sapienza dove ha ottenuto il dottorato nel 2015 e all’Università Statale di Mosca, presso le Facoltà di Arte e Filosofia. Attualmente è assegnista di ricerca all’Istituto Max Planck di Storia della Scienza di Berlino dove è parte di un gruppo di lavoro sull’Antropocene e la Tecnosfera. I suoi interessi di ricerca spaziano dalla storia ed epistemologia delle teorie sistemiche e cibernetiche all’ecologia globale e le scienze del sistema terra. E’ inoltre interessata al contributo degli scienziati russi al dibattito internazionale sull’ambiente globale e la biosfera. Prima di arrivare al MPIWG ha lavorato al Centre Alexander Koyré e al Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi ed è stata in visita per periodi di ricerca all’Università di York (UK) e Mosca.

Alberto Romele

EtC3ghHM

Alberto Romele

Ha ottenuto il Dottorato in Filosofia presso l’Università di Verona nel 2011. È stato ricercatore post-doc presso la stessa Università e presso il Fonds Ricoeur/EHESS (“Oratoire-Ricoeur” fellowship 2011-2012) di Parigi. È attualmente ricercatore post-doc FCT (Fundação para a Ciência e a Tecnologia, la Fondazione Nazionale Portoghese per la Ricerca) presso l’Istituto di Filosofia dell’Università di Porto. Nel 2016-2017, è stato docente di Filosofia contemporanea presso l’Università della Borgogna. Tra il dicembre 2016 e il marzo 2017, è stato visiting professor presso il Lab MICA (Médiations, Information, Communication et Arts) dell’Università di Bordeaux Montaigne. È ricercatore associato del Lab COSTECH (Connaissance, Organisation et Systèmes Techniques) presso l’Université de Technologie Compiègne. La sua ricerca riguarda specialmente la filosofia della tecnologia, ermeneutica filosofica e teoria del digitale.

Lo Sguardo è un progetto full open access. Puoi scaricare gratuitamente tutto il nostro archivio, ma saremmo lieti di ricevere un piccolo contributo tramite PayPal.
Sostieni Lo Sguardo
Support Lo Sguardo
Lo Sguardo is a full open access project. You can download all the articles for free, but we will be glad to receive a little support through PayPal.
Lo Sguardo è un progetto full open access. Puoi scaricare gratuitamente tutto il nostro archivio, ma saremmo lieti di ricevere un piccolo contributo tramite PayPal.
Sostieni Lo Sguardo
Support Lo Sguardo
Lo Sguardo is a full open access project. You can download all the articles for free, but we will be glad to receive a little support through PayPal.
Iscriviti alla nostra newsletter
Lasciaci il tuo indirizzo email per rimanere aggiornato sulle nostre novità.